JavaScript: Come posizionare e caricare i nostri script al meglio

Questa piccola guida descrive i pro e contro della posizione dei nostri script JS all'interno della pagina e diversi metodi di caricamento.

La posizione dello script all'interno della pagina può migliorare o addirittura peggiorare l'esperienza utente. Dobbiamo valutare molto bene questo aspetto.

Sezione Head

Caricare uno script JS nella sezione <head>, è il metodo in assoluto più utilizzato. L'esecuzione dello script inizia al termine del suo caricamento e nel caso in cui nello script è necessario interagire con il DOM potremmo avere problemi in quanto il browser non ha ancora effettuato il parsing del codice HTML. Per risolvere questo problema dobbiamo modificare i nostri script JS per farli iniziare con l'evento onready.

<html>
  <head>
    <title>Lorem Ipsum</title>
    <script type="text/javascript" src="http://example.org/js/script.js"></script>
  </head>
  <body>
    <p>Lorem Ipsum</p>
  </body>
</html>

Nel caso in cui lo script risiede su un server molto lento, all'utente può dar impressione che la pagina si sia bloccata in quanto il browser non effettua il rendering della pagina HTML finchè tutti gli script e stili css siano stati caricati dalla sezione <head>.

Un modo per velocizzare il caricamento degli script e stili CSS con PHP è l'utilizzo della funzione flush() tra la fine del tag <head> e l'inizio del tag <body>:

...
  </head>
  <?php flush(); ?>
  <body>
...

In questo modo il browser non attende il dowload di tutta la pagina HTML da parte del webserver per iniziare il caricamento degli script e stili css, ma riceve per primo tutta la sezione <head> e poi il resto della pagina.

Sezione Body

Situato alla fine della sezione <body>, lo script viene caricato al termine del rendering della pagina. Questo si traduce in un caricamento e visualizzazione più rapida della pagina web, senza eventuali blocchi nel caso in qui il server che ospita lo script sia molto lento.

Spostare il codice JS in fondo pagina ci aiuta nel caso in cui nel nostro script JS dobbiamo utilizzare il DOM perchè arrivati a questo punto il browser avrà già fatto il parsing del codice HTML.

<html>
  <head>
    <title>Lorem Ipsum</title>
  </head>
  <body>
    <p>Lorem Ipsum</p>
    <script type="text/javascript" src="http://example.org/js/script.js"></script>
  </body>
</html>

Abbiamo visto che la posizione dello script può influire sull'esperienza utente. Adesso vediamo quali tecniche possiamo utilizzare per caricare i nostri script.

Metodo classico

Senza dubbi il tag <script> è il metodo più utilizzato:

<script type="text/javascript" src="http://example.org/js/script.js"></script>

L'attributo type può essere omesso in quanto ad oggi l'unico linguaggio di scripting standard per HTML è JavaScript.

Metodo document.write

Questo metodo è andato in disuso ma nel caso eccolo qui:

<script>
    document.write('<script src="', 'http://example.org/js/script.js', '" type="text/JavaScript"><\/script>');
</script>

Metodo DOM

Questo metodo permette di aggiungere al volo con JavaScript uno script esterno utilizzando i metodi messi a disposizione dal DOM.

var script = document.createElement('script'),
    head   = document.getElementsByTagName('head')[0];
script.src = 'http://example.org/js/script.js';
head.appendChild(script);

Come potete vedere lo script è molto semplice, si crea un elemento script e lo si appende all'elemento head.

Una soluzione molto elegante è utilizzare una variante allo script isogram utilizzato da Google Analytics.

(function(l,o,a,d,e,r){
  d=l.createElement(o); e=l.getElementsByTagName(o)[0];
  d.async=1; d.src=a; e.parentNode.insertBefore(d, e);
})(document,'script','js/script.js');